Madre Natura: quando l’alchimia trasforma un fiore in un gioiello.

Plasmare ciò che la natura ha creato, trasformando la materia comune in un metallo prezioso: un sogno inseguito dall’uomo da centinaia di anni.

Madre Natura trasforma questo sogno in realtà creando gioielli che sembrano quasi frutto di un processo alchemico. La materia organica viene cristalizzata nell’argento attraverso un processo innovativo, vanto del nostro made in Italy, renderno eterno quanto di più caduco esista in natura: i fiori.

Candide margherite, eterei non ti scordar di me, aggraziati narcisi, unici così come la natura li ha creati, vengono “imprigionati” nel metallo prezioso – argento 925 bagnato nell’oro e nel rodio – e rimangono così, intatti per sempre. I topazi colorati di alta qualità – Madre Natura ha deciso di utilizzare esclusivamente i passion topaz tagliati da Swarovski Gems – illuminano questi fiori che si trasformano in gioielli, rendendo il pezzo unico per sua natura in qualcosa di ancora più esclusivo.

Ma chi è Madre Natura? Una realtà torinese, nata dall’intuizione di Daniele Fantin, esperto conoscitore dei metalli nobili, e dall’estro creativo di Anna Arnaldi, designer delle collezioni del brand, laureata presso Accademia Albertina delle belle arti di Torino.

Volete saperne di più? Visitando il sito di Madre Natura troverete la collezione completa che potrete acquistare direttamente on line.

Ditemi, cosa ne pensate di queste creazioni alle quali dei fiori manca solamente il profumo?

di Erika Zacchello

 

 

 

 

3 Comments

Filed under Firme Vintage

3 Responses to Madre Natura: quando l’alchimia trasforma un fiore in un gioiello.

  1. luisa

    Ciao Erika, come idea mi piace molto perche’ amo sia la natura e sia i fiori
    li trovo eleganti,romantici,raffinati e di estrema eleganza.
    E siccome il gioiello e’ personalita’ rispecchia molto la mia personalita’
    Ti saluto e tanti auguri per tutto
    Scalise Luisa.

    • Ciao Luisa,

      in effetti ogni gioiello che scegliamo racconta qualcosa di noi e indossare un accessorio che ha avuto una sua “vita” è una sensazione molto particolare per me!

      A presto e continua a segure il blog. 🙂

      Erika

  2. Elena

    Ciao Erika!
    Trovo davvero originale l’idea di cristallizzare la perfezione e la bellezza dei fiori in un gioiello, è un modo per rendere eterno l’effimero e duratura la grazia di un momento. Decisamente incantevoli!

Rispondi a Erika Zacchello Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *